Servizi professionali

 

Analisi visiva

Per individuare e compensare i difetti visivi mettiamo a disposizione la nostra professionalità attraverso l’analisi visiva, ottenuta tramite l’adozione di una serie di test appropriati e, quanto necessario, la fornitura degli adatti mezzi ottici di compensazione: occhiali, lenti a contatto e speciali ausili visivi.

Topografia corneale

La topografia corneale, o “mappa corneale”, è un metodo di rilevazione della curvatura della cornea, assistito dal computer. Le mappe si ottengono attraverso un apposito strumento definito “topografo”. La mappa e l’analisi conseguente permettono di rivelare ogni deformazione della curvatura della cornea e l’orientamento dei meridiani dell’astigmatismo. Questa pratica riveste grande importanza nell’applicazione di lenti a contatto e nel keratocono in particolare. I nostri centri sono specializzati nell’applicazione di lenti a contatto al plasma per Keratocono e per lenti a contatto progressive.

Ipovisione

In caso di marcate alterazioni dell’apparato visivo, definite con il termine “ipovisione”, presenti maggiormente a livello statistico, tra i 65 e gli 84 anni, i nostri ottici optometristi possono intervenire con una serie di ausili visivi. La nostra professionalità e competenza è a vostra disposizione per migliorare l’autonomia della persona.

Visione in età scolare e prescolare

Ogni cliente per noi è importante, ma forse loro lo sono un pochino di più!
Sì, parliamo dei bambini, dei nostri clienti più giovani, sensibili e delicati e a cui ci piace dedicare, se possibile, un’attenzione e una cura ancora maggiori.
Perché sappiamo che la protezione degli occhi dei bambini è particolarmente importante per la socializzazione e per il rendimento scolastico e che il tessuto oculare dei loro occhi è strutturato in modo da permettere una maggiore penetrazione della luce con un potere filtrante inferiore rispetto a quello degli adulti. Quindi attenzione alla vista, ma anche alla protezione dal sole.
I più piccoli sono clienti difficili perché alcune volte vedono l’occhiale da vista come qualcosa che nuoce alla loro immagine e sono anche utilizzatori spesso amabilmente incauti e sbadati che rompono, dimenticano e maltrattano i loro occhiali. E poi la TV, il cinema e la pubblicità propongono continuamente modelli di consumo e stili di vita a cui il bambino è fortemente esposto e per i quali costruisce le sue preferenze. Medici oculisti e psicologi concordano nell’affermare che, nei limiti della salute e del benessere visivo, le preferenze del bambino vanno rispettate e incoraggiate.
Il nostro approccio è proprio questo: mettere a disposizione dei più giovani un assortimento di modelli attuali e accompagnarli in una scelta che sia insieme gradita e anche perfetta per le esigenze visive e funzionali. È una cosa che facciamo con amore e per questo, forse, ci riesce bene.
Pediatri, oculisti, posturologi, fisiatri: tutti oggi concordano nel sottolineare l’importanza di evitare le cattive abitudini posturali e ambientali che affaticano la vista e, di conseguenza, limitano il rendimento del giovane studente.  È facile “ripassare” stando seduti sul divano o a pancia sotto sul letto, come è comune fare i compiti con il matitone pluricolorato, rigorosamente di moda, che costringe però gli occhi dello studente a veri e propri contorsionismi per seguire quello che si sta scrivendo. Bisogna controllare queste eventuali cattive abitudini e intervenire per evitare che, con il tempo, generino dannosi effetti collaterali.
A proposito di protezione dal sole, attenzione: non sono giocattoli, sono occhiali!
Spesso e pericolosamente gli occhiali da sole per i bambini vengono equiparati a giocattoli, utili, appunto, per giocare a scimmiottare i più grandi, ma non è così. Gli occhiali da sole per i bambini significano salute degli occhi e sicurezza da eventuali infortuni. Chioschi e bancarelle per questo acquisto non servono, è importante, invece, rivolgersi a centri ottici specializzati e organizzati che, con speciali misuratori, sono in grado di dimostrare e garantire il potere filtrante delle lenti.
Nell’acquisto di un paio di occhiali da sole, occorre, prima di tutto, verificarne la qualità, che viene segnalata dalla apposita marcatura CE, frutto di specifiche normative e il grado di protezione dei raggi UV, indicato con un numero progressivo, compreso tra l’1 e il 4.
Attenzione agli occhiali da sole a basso costo: le lenti sono fabbricate con materiali scadenti che deformano le immagini e che, pur essendo scure, non proteggono dalle radiazioni.